La Napoli di Elena Ferrante

50 sfumature di Napoli

La Napoli di Elena Ferrante è una Napoli vera, una Napoli di mille colori, come avrebbe detto Pino Daniele, una Napoli contraddittoria.

Elena Ferrante è il nome d’arte di un’autrice ancora ignota che ha pubblicato diversi libri. Tra questi i più famosi sono sicuramente i quatro romanzi della serie “L’amica geniale”.
In questi quattro romanzi la Napoli di Elena Ferrante fa da sfondo alle vicende amorose e non di due donne, Raffaella (Lila) Cerullo e Elena (Lenuccia) Greco, nate nell’immediato dopoguerra e quindi testimoni dei cambiamenti che la città subisce col passare del tempo.

Lila e Lenuccia cambiano insieme alla loro città che diventa sempre più sovrappopolata e caotica, caotica come i sentimenti che tormentano le due protagoniste le cui vite si incontrano e scontrano a seconda dei periodi. Amori, tradimenti, vittorie, sconfitte segnano la vita delle due protagoniste e dei loro cari che devono fare i conti con cambiamenti in atto in quegli anni.

Seguendo le vicende di Lila e Lenuccia vi troverete catapultati in una Napoli che va da 0 a 10 senza passare da 1 a 9. La Napoli di Elena Ferrante va dal quartiere popolare Luttazzi, che si trova in zona Gianturco, fino a piazza dei Martiri e al lungomare. Si va dal quartiere in cui le due protagoniste nascono e crescono nella più nera miseria, fino ai quartieri ricchi, quelli del riscatto. Si va dalla Napoli sporca, povera e piena di pregiudizi del dopoguerra fino alla Napoli dei giorni nostri, che sicuramente è ancora molto problematica ma anche in piena fase evolutiva.

La Napoli di Elena Ferrante è la stessa Napoli che tento di mostrare ai turisti che mi scelgono come loro guida. Una Napoli fatta di controsensi, dalla quale vorresti scappare ma senza la quale non riesci a vivere. Una città dove si deve andare almeno una volta nella vita per comprendere che gli opposti possono coesistere.
visite guidate sulle orme dell’amica geniale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *